Il Modello Confederale

Il modello confederale®

Schema organizzativo del funzionamento degli organismi confederali basato sulla conoscenza dei dati e delle informazioni politiche, sociali, economiche, finanziarie, ambientali, nelle relazioni tra governance pubblica e corpo sociale, sul piano politico, giuridico e amministrativo, per dare piena attuazione alla Costituzione, mediante 4 azioni programmatiche di medio-lungo periodo:

1. Il "Programma Politico", prodotto dal lavoro comune e condiviso degli organismi confederali, al fine di porre le condizioni, esterne alla Confederazione, per l’attuazione della Costituzione in Parlamento.

2. "Osservatorio pubblico sui Diritti", basato sulla rilevanza delle azioni pubbliche nelle sue relazioni con il corpo sociale, sul piano giuridico e dei comportamenti politici e amministrativi. L‘Osservatorio, sull‘analisi dei fatti, contempla l‘intervento sulla divulgazione dell‘"Avviso di Garanzia Popolare" rivolto, sia ai cittadini, che alle istituzioni, contemplando anche forme legali di azione giudiziaria da intraprendere, ricorrendone i casi, sul piano civile, penale, amministrativo.

3. "Incubatore d‘idee", per lo sviluppo di progetti incentivanti l’economia sociale attraverso il trasferimento d‘innovazione organizzativa e tecnologica per lo sviluppo del lavoro e della capacità d‘indurre occupazione attraverso iniziative produttive.

4. "Assistenza locale", per l‘erogazione "a sportello" di servizi di utilità diffusa per i cittadini e le imprese e su molteplici aspetti, sia sociali che economici e legali, nelle relazioni con la pubblica amministrazione. Le funzioni di assistenza sono strumento a supporto dell‘Osservatorio sui Diritti nelle relazioni tra amministrazione pubblica e comunità locale.

Le funzioni considerate al punto 2, così come ai punti 3 e 4, fondano la loro capacità d‘azione sul "principio di sussidiarietà" orizzontale come trattate dall‘Art. 118, ultimo comma, della Costituzione, sia per quanto riguarda la rilevanza delle eventuali violazioni da promuovere di fronte al giudice amministrativo, sia come criterio di regolazione tra poteri pubblici e cittadini nell‘esercizio di funzioni che abbiano rilevanza sul piano amministrativo per la collettività, in osservanza ad un principio generale di autonomia del cittadino e delle sue articolazioni sociali nella organizzazione dello Stato e da questi garantite, in ciascuno dei livelli verticali in cui si esplica la sussidiarietà tra organismi pubblici.

RIFERIMENTI
  • La Costituzione
  • Le Leggi e la burocrazia pubblica
  • Regolamenti degli Organismi pubblici e privati
    che svolgono attività pubbliche
  • I servizi pubblici e i servizi erogati da privati per funzioni pubbliche
  • I Trattati e le Norme di Recepimento delle Direttive europee
  • La BCE e il Sistema Bancario nazionale
  • Il Debito Pubblico
  • I Trattati e gli Organismi internazionali
  • La Comunicazione mainstream e la Rete
  • Altro

  • CENTRO STUDI



    R&S
    OPERATIVO



    PIATTAFORMA
    DIGITALE




    DOCUMENTAZIONI
    FORMALI



    COMUNICAZIONI DINAMICHE
    A RETE
    PROGRAMMA POLITICO

    PRIMARIE SEMPRE APERTE

    VOTAZIONI ON-LINE

    RAPPORTI POLITICI
    OSSERVATORIO SUI DIRITTI

    AVVISO DI GARANZIA POPOLARE

    RICORSO ALLA GIUSTIZIA CIVILE, PENALE E AMMINISTRATIVA
    IDEE & PROGETTI

    ECONOMIA SOCIALE E SERVIZI ALLE COMUNITÁ LOCALI

    INNOVAZIONE E SUSSIDIARIETÁ

    SovranitÓ Popolare